left center right
css_ratgeber_hochbeete_wysiwyg

comp_ratgeber_hochbeete_bepflanzung_wysiwyg

Il modo migliore per la messa a dimora di piante e fiori nelle cassette rialzate

Coltivate colture miste scegliendo piante alte vicino a pianticelle basse, in modo che queste non si facciano ombra reciprocamente. Generalmente un orto rialzato allestito in giardino è più grande degli orti coltivati sui balconi e vi permette di fare diversi esperimenti con tanti tipi di ortaggi. Con un orto rialzato non potrete certo coltivare tutti gli ortaggi da portare sulla vostra tavola, ma la gioia di veder crescere la propria verdura è indescrivibile. Coltivate i vostri ortaggi preferiti e quelli dei vostri figli o dei vostri nipoti.

Qual è il momento giusto per seminare, piantare e raccogliere?

Rialzati


Gli orti rialzati vengono prevalentemente utilizzati per coltivare ortaggi, visto che le buone condizioni del terreno promettono un raccolto ottimale. Chi coltiva per la prima volta degli ortaggi in un orto rialzato farà bene a rispettare il seguente piano di rotazione quinquennale:

• Nel primo anno vengono coltivati i cosiddetti ortaggi ad alto assorbimento di sostanze nutritive, quali verze, cipolle, cetrioli, pomodori, carote e porri. Si tratta nella fattispecie di piante con un elevato fabbisogno di nutrimento il cui apporto è particolarmente ottimale in questo momento poiché la terra fresca dell’orto rialzato è ancora molto ricca di sostanze nutritive.

• Nel secondo e nel terzo anno è il turno degli ortaggi a medio assorbimento di sostanze nutritive, quali spinaci, ramolaccio, aneto e patate.

• Nel quarto e nel quinto anno vengono invece piantati ortaggi a basso assortimento di sostanze nutritive, quali cavolini di Bruxelles, cavolo bianco, insalata, cavolfiore e fagioli.

Dopo cinque anni le sostanze nutritive sono di regola esaurite ed è dunque opportuno sostituire completamente la terra. Durante questa operazione, il vecchio terriccio può essere utilizzato come humus. In autunno è inoltre consigliabile arricchire il terreno con un fertilizzante verde. Nella seguente tabella sono indicati i momenti ideali per piantare le varie coltivazioni di ortaggi nel vostro orto rialzato.

I primi cavoli rapa e le prime insalate possono essere piantati già a metà marzo. All’inizio, di notte le piantine ancora fragili devono essere coperte con un panno. Con un po’ di fortuna a fine aprile si potrà già raccogliere la prima insalata. Gli ortaggi ad alto assorbimento di sostanze nutritive, come il cavolo o le patate, richiedono molto spazio, crescono lentamente e, trovandosi in uno spazio limitato, producono un raccolto piuttosto ridotto. Con la frutta e gli ortaggi a crescita rapida, come diverse varietà di insalata, ravanelli, cipolle, spinaci, pomodori, carote o fragole, il successo è assicurato e anche l’occhio avrà la sua parte.

Consiglio: gli ortaggi di grandi dimensioni come la zucca, le zucchine, le patate e diverse varietà di cavolo necessitano di molto spazio. Piantatele dunque in un vaso sufficientemente grande oppure in una botte.



comp_ratgeber_hochbeete_bepflanzung_wysiwyg_tabelle
Ortaggi Sementi/piantine Periodo di raccolto
Cavolfiore Piantine da metà aprile 8–12 settimane dopo la piantagione (necessita di molta acqua)
Broccoli Semina da febbraio, lasciar pregermogliare al caldo / Piantagione da marzo, aprile 90 giorni dopo la semina, quando le testine dei fiori sono già grandi ma ancora chiuse
Fagioli Piantagione a inizio maggio 2–3 mesi dopo la semina
Piselli Da marzo a luglio (temperatura del suolo: minimo 8 gradi) Dopo 3–4 mesi (quando riuscite a sentire al tatto i semi nei baccelli)
Insalate da taglio Baby Leaf Semina da marzo a settembre Raccolto continuo fino al primo gelo
Formentino Da luglio a settembre Dopo 8–10 settimane circa; resistente al gelo, può quindi essere raccolto anche d’inverno
Verza Da metà luglio a inizio agosto Varietà precoci da settembre; resistente al gelo, può quindi essere raccolto anche d’inverno
Carote Da marzo a giugno A dipendenza della varietà, circa 4–7 settimane dopo la semina.
Patate Lasciar pregermogliare al caldo / Piantagione da aprile a maggio Raccolto dopo 100 giorni circa, a dipendenza della varietà, da settembre a ottobre
Insalata cappuccina Tra marzo e maggio Dopo 10 settimane circa
Ravanelli/ramolaccio Tra marzo e settembre Dopo 4–6 settimane circa, fintanto che i tuberi sono
Barbabietole Semina direttamente nell’orto a partire da metà aprile Piantine acquistate tra marzo e agosto Piantine acquistate tra marzo e agosto
Spinaci in foglia Semina da fine febbraio a maggio A dipendenza della varietà, 10–12 settimane
Pomodori Semina da marzo, lasciar pregermogliare al caldo / Piantagione solo dopo il gelo di maggio (a metà maggio) Raccolto da agosto a settembre
Cipolle Piantagione dei bulbi da febbraio ad aprile Raccolto continuo oppure da agosto raccogliere in condizioni di tempo asciutto per la conservazione
Varie erbe aromatiche: prezzemolo, erba cipollina, timo, origano, salvia, rosmarino Piantagione da fine aprile Il basilico va piantato solo da metà maggio Costantemente
Consiglio: piantate fiori commestibili colorati tra le fila di ortaggi per dare colore al vostro orto. Le miscele di fiori commestibili possono essere seminate direttamente nell’orto rialzato e aggiungeranno un pizzico di colore e di gusto alle vostre insalate. Scegliete varietà di fiori non troppo alte e non pendenti come la cappuccina essiccata oppure trapiantatele in un vaso separato.

comp_ratgeber_hochbeete_bepflanzung2_wysiwyg

Il vademecum per l’orto rialzato in un colpo d’occhio

Insieme è più facile

Molti aspetti legati alla progettazione e all’allestimento degli spazi verdi e dei giardini richiedono molto tempo e comportano un onere di lavoro non indifferente. In particolare quando si tratta di allestire o riempire un orto rialzato. È quindi vantaggioso collaborare con altri, specialmente se si tratta di un progetto di un certo spessore. Trasformatelo dunque in un progetto di famiglia. Oppure invitate i vostri amici a una grigliata per ringraziarli del loro aiuto e gustate insieme a loro le verdure che avete coltivato personalmente. Anche l’aiuto reciproco tra vicini può essere una soluzione molto efficiente. Infatti, insieme è più facile!